il significato di alice attraverso lo specchio

Alice attraverso lo Specchio

Cari lettori,se siete già capitati nel mio blog prima d’ora conoscerete l’ articolo sul Significato di Alice nel paese delle meraviglie del storico blog https://aliceundergroundworld.wordpress.com.

Per questa ragione e perchè ho approfondito personalmente molto l’argomento, vorrei condividere con voi alcune curiosità che riguardano appunto Alice nel paese delle Meraviglie. Ci sarebbero tante cose da dire, ma qui approfondirò un argomento solo, che tratta di “Alice nello specchio” o anche chiamatoAlice attraverso lo specchio e quel che vi trovò”.

Ora vorrei proporvi una nota della traduttrice Elda Bossi (per chi non la conosce vi consiglio di dare un’occhiata al link). Ella aveva già segnalato la soluzione a uno dei tanti misteri ai lettori e di cosa si trattava la nuova avventura di Alice.



Eccolo tratto e trascritto per voi dall’ edizione di Alice attraverso lo specchio, I ed. Giunti Marzocco, tradotto da Elda Bossi.

Una lettera da Elda Bossi ai giovani lettori e un problema di scacchi

Chi conosce già le famose avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie(e chi non le conosce?), non si sorprenderà di sicuro nel trovare questa interessante ragazzina imbarcata in avventure ancora più straordinarie. Un tipo come Alice, c’è da immaginarselo che non sarebbe rimasta tranquilla per molto tempo: lei è un esploratrice nata e scopre certi paesi che nessuno ci ha mai messo il piede nè prima nè dopo, tanto che non si trovano nemmeno su un libro di geografia, col vantaggio che così non si deve studiarne i monti, i fiumi e i chilometri quadrati.

L’aspetto più curioso di queste avventure di Alice, nel paese da lei scoperto di là dallo specchio, è che sono una dentro l’altra come certe scatoline a sorpresa. Mi spiego. E’ già una bella avventura, no? ritrovarsi in un posto dove si fa la conoscenza dei più strani personaggi e tutte le cose succedono all’incontrario, sicchè bisogna girare a sinistra per arrivare a destra, e correre a perdifiato per stare fermi, e distribuire le fette di torta prima di averle tagliate e altre cose del genere!

Una bella avventura, ripeto; ma alice trova il modo di avere un’avventura nell’avventura, giocando una straordinaria partita a scacchi, non come giocatrice, ma proprio come pezzo degli scacchi: per essere precisi , come una modesta pedina che poi, arrivata all’ultima riga, diventa regina e vince. Vi prego di credere che si tratta di una partita in piena regola, e quelli fra i lettori che sanno giocare lo vedranno da sè dando un’ occhiata al problema raffigurato nella prossima pagina (qui sotto N.d.a.) ; quelli che invece non sanno giocare, se non si fidano della mia parola, lo domandino a qualcuno che se ne intende.

Alice eccola lì quella pedina bianca accanto alla Regina Nera.

La regina Nera per motivi suoi personali tocca ad Alice muoversi per la prima volta. Naturalmente fa due passi com’era di regola per ogni pedina, traversa cioè in treno la terza casella e s’inoltra a piedi della quarta, dove a un tratto si trova accanto il Re Nero che russa. E perchè russi invece di essere sveglio bene e mangiarla, lo capisce anche il più pivello dei giocatori a scacchi: c’è il cavallo bianco a difesa. Uscendo dal fitto bosco della quarta casella insieme alla Regina Bianca arrivata lì di volo (come corrono queste regine, i giocatori lo sanno!), Alice entra nella quinta casella che attraversa in barca, poi nella sesta, e qui, accanto al Re Bianco, non meno flemmatico del suo collega Nero, assiste a un’ altra veloce fuga della Regina Bianca. Ecco, Alice è appena entrata nella settima casella, che il cavallo nero le si precipita quasi addosso minacciando scacco (al Re Bianco s’intende), ma viene subito mangiato, come soul dirsi, dal cavallo bianco.

Un’altro piccolo salto e Alice è arrivata nell’ottava casella dove,incoronata con un po’ di anticipo, diventa poi regina Bianca quando la regina Nera piglia la precedente regina Bianca e la ficca nella zuppiera ( vi parra un po’ strano, ma al momento giusto vedrete da voi).

A questo punto Alice Regina Bianca acchiappa la Regina Nera e così il giuoco finisce con la vittoria di Alice, essendo il re Nero matto per qualche imperdonabile sciocchezza commessa in precedenza. A far le cose precise, avrei dovuto descrivervi anche le mosse della parte avversaria; ma io non mi curo dei nemici, sicchè speriamo solo che non abbiano fatto qualche imbrogli. Si capisce che raccontandovi le mosse di Alice sulla scacchiera io non vi ho raccontato proprio nulla: sarei stata furba! Le straordinarie avventure di Alice sono quelle che capitano mentre gironzola da una casella all’altra! Ma siccome c’è qui il signor Carroll pronto a raccontarvele, così a me non resta che farvi tanti saluti.

Vostra aff.ma

Elda Bossi

Personalmente prima di salutarvi, vi lasco con quest’ultima curiosità. Ebbene eccovi una scultura di Alice Attraverso lo specchio (anche di questo ne farò un articolo di approfondimento riguardanti le sculture di Alice nel Mondo).

 

“Alice attraverso lo specchio”. Questa scultura è nel Castello di Guildford, vicino alla casa che il famoso Lewis Carroll prese in affitto. E ‘stato modellato sulla figlia dello scultore e fu installata nel 1990


Articoli che ti potrebbero interessare:


Iscriviti al blog oppure continua a seguici anche su: